Gonfiore e distensione addominale

Gonfiore e distensione addominale

Gonfiore e distensione addominale sono i due sintomi più comunemente riportati ed hanno un impatto negativo sulla qualità della vita.

Con il termine gonfiore si intende la sensazione soggettiva di aumento della pressione addominale senza un aumento di volume, mentre con distensione addominale si descrive la stessa sensazione soggettiva ma con aumento oggettivo della circonferenza vita.

Principali cause e soluzioni ai problemi:

MANGIARE O BERE TROPPO VELOCEMENTE

Mangiare o bere troppo velocemente porta ad ingerire grandi quantitativi di aria che poi causano gonfiore intestinale, in questo caso il rimedio è semplice, bisogna cercare di masticare piano e lentamente e così facendo si può ridurre la quantità di aria introdotta.

MANCANZA DI ESERCIZIO FISICO

L’esercizio fisico è in grado di stimolare, oltre ai muscoli coinvolti nelle contrazioni dovute allo sforzo, anche i muscoli intestinali, in questo modo i contenuti dell’intestino passano più efficientemente prevenendo l’accumulo di gas nel lume intestinale.

STRESS E ANSIA

Quando si è stressati il sistema nervoso invia segnali all’intestino alterando la funzionalità dei muscoli coinvolti nella digestione per entrare in risposta di “attacco o fuga”, questa condizione può manifestarsi con nausea, gonfiore e crampi.

Alcuni dei sistemi per cercare di risolvere questo problema sono:

- mantenersi attivi il più possibile

- fare delle brevi pause durante attività stressanti

- socializzare ed uscire in compagnia

- dormire almeno 7 ore a notte

- trascorrere del tempo all’aria aperta e possibilmente a contatto con la natura

- parlare con qualche professionista se necessario

ALIMENTAZIONE

Per trattare i sintomi di distensione e gonfiore addominale è possibile identificare alcuni alimenti specifici che possono scatenare questi sintomi, come:

- intolleranza al lattosio.

- celiachia, il glutine può causare gonfiore e distensione a chi soffre di questo problema a causa del danneggiamento dei villi intestinali che altera la scomposizione dei carboidrati.

- intolleranza ai fodmap, si tratta di carboidrati a catena corta che includono lattosio, fruttosio quando in eccesso rispetto al glucosio, polioli (sorbitolo e mannitolo), fruttani e galattani. Questi carboidrati non sono digeribili e vengono fermentati rilasciando gas e attirando liquidi.

Per migliorare i sintomi è necessario seguire una dieta a basso contenuto di fodmap sempre sotto la guida di un esperto per non avere delle carenze nutrizionali.

SIBO

Si tratta della presenza eccessiva di batteri nel tratto intestinale. È possibile seguire un’alimentazione a basso contenuto di fodmap per ridurre i substrati di fermentazione batterica. In alcuni casi, invece, sotto il controllo medico si può ricorrere all’utilizzo degli antibiotici.

DISFUNZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO

La disfunzione del pavimento pelvico può causare stipsi con conseguente dolore e aumento della pressione addominale, questo perché la velocità di transito intestinale viene fortemente ridotta. In questo caso bisogna affidarsi ad un professionista per intraprendere un percorso di rieducazione e di esercizi di rinforzo.

18 giugno 2024